Dalla passione personale per un autore conosciuto e amato fin dall’infanzia e da una ricerca sostenuta dal metodo storico è nato un percorso biografico destinato a tanti lettori di Rodari che nell’anno del centenario vogliono conoscerlo più da vicino.

Storia di Gianni Rodari

Per l’editore Laterza è così in libreria Lezioni di Fantastica – Storia di Gianni Rodari. Un’occasione di approfondimento dei percorsi storici, culturali, professionali che stanno dietro alla più grande letteratura per l’infanzia del nostro paese.

Vanessa Roghi, docente presso l’Università La Sapienza, che si definisce ‘storica del tempo presente’, con il suo lavoro ha voluto sottrarre Rodari a quello stereotipo di scrittore ‘facile’ a cui i meno informati lo collegano. Così lo racconta lei stessa nel suo laboratorio online:

Dice Gianni, agli amici insegnanti: «C’è sempre il bambino che domanda, per l’appunto: Come si fa a inventare le storie? E merita una risposta onesta». Di questa onestà è fatto il suo lavoro e se spesso, leggendolo ci sembra che parli della nostra contemporaneità, non è perché lui “intuisse”, vedesse oltre, fosse un profeta, come piace dire a tanti ricordando intellettuali del passato: non era lui un genio, siamo noi dei somari che abbiamo perso negli anni la radicale protesta di cui era fatto tutto il suo lavoro. Rodari vedeva, capiva, che il vero problema erano gli adulti, che spesso, troppo spesso, odiavano i bambini e i ragazzi, confondevano l’educazione con il giudizio, la parte politica con la pretesa di essere progressisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *