Per la tesi di Laurea triennale in lingue e letterature straniere all’università Ca’ Foscari di Venezia, ho voluto raccontare i viaggi, le amicizie e i progetti di Gianni Rodari nella Russia sovietica, con un particolare interesse per il romanzo Le avventure di Cipollino e la sua traduzione e diffusione russa.

L’interesse per l’argomento è nato dopo aver scoperto su internet il cartone animato di Cipollino, prodotto nel 1961 dall’importante studio di animazione russo Sojuzmul’tfil’m. Il fatto che un’opera di Rodari avesse avuto un tale impatto in Unione Sovietica ha destato la  mia curiosità; così, dal cartone animato sono arrivata a dipanare un poco alla volta la storia dell’incredibile fama di Gianni Rodari in URSS. Si pensi che già a partire dai suoi primissimi scritti, ovvero quando in Italia pochissimi conoscevano lo scrittore di Omegna, egli aveva acquisito una notevole popolarità in territorio sovietico, grazie anche a particolari relazioni che aveva intessuto con prominenti figure della cultura sovietica, come il poeta Samuil Marsak.

L’argomento mi ha appassionato molto e mi ha permesso di scoprire molti dettagli e aspetti del rapporto di Rodari con la Russia sovietica.

Rosa Baldassarre

Scarica qui La ricezione di Gianni Rodari nel paese dei Soviet: i viaggi, le amicizie, la traduzione e la fortuna di Cipollino.

Un pensiero su “Gianni Rodari in URSS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *