Il festeggiamento è nell’aria! Si contano sulle dita di una mano i giorni che ci separano dal 23 ottobre 2020. Avete pensato già a un augurio fantasticoso per il nostro maestro preferito? Forza, che manca pochissimo.

Il prossimo 23 ottobre postate sui vostri canali social un video, un testo, una lettera, una canzone o una foto dedicati a Rodari con l’hashtag #augurirodari #100giannirodari.

Gli auguri più creativi verranno pubblicati sul sito www.100giannirodari.com

Insegnanti: ci aspettiamo grandi cose da voi!

 

 

11 pensieri su “Tre, due, uno… auguri Maestro!

  1. Sergio Giovannetti dice:

    A Gianni Rodari ho dedicato il mio libriccino di filastrocche “Coronaviro, Coronaviro… Io ti frego, leggo un libro” con questa dedica: “A Gianni Rodari, che volar fece i somari”

  2. Rita dice:

    Al Maestro abbiamo dedicato la mattinata …il nostro calendario che ogni giorno abbiamo sfogliato oggi è finito.In classe filastrocche mimate e storie al telefono a gogo’.Grazie Maestro sarai sempre con noi perché insieme si può volare con la …fantasia

  3. Roberto dice:

    Oggi classe 5 I della Scuola Primaria “Carlo Collodi” di Torino si è unita con gioia alla commemorazione del Centenario della nascita del grande Gianni Rodari con la lettura di due sue belle poesie: “La voce del mare” e
    ” Un bambino al mare”.
    Maestro Roberto Chiomento
    D.D. C. Collodi – Torino

  4. Caterina Lanotte dice:

    L’ I. C. “Falcone-Borsellino” plesso primaria Petrignani di Bari.per festeggiare il caro e geniale Gianni Rodari ha organizzato “La staffetta Rodariana” letture di racconti e poesie durante la settimana di esposizione dei bellissimi pannelli avuti in dono. Grazie

  5. Lucia dutto dice:

    Rosari e’ un poeta non dei bambini ma dell’umanità’ . La sua poesia ha la capacità’ di divertire, far sognare , meditare, insegnare alla stregua delle favole dei grandi poeti classici questi lo consegna alla storia tra i grandi della letteratura.

  6. cristina servidio dice:

    Il suo Grammatica della fantasia diventa il libro cult per vivere l’educazione come festa, scoperta, animazione. E in questo momento più che mai ci auguriamo torni ad essere presente in tutte le scuole e ad essere utilizzato da tutti gli insegnanti.

    “Se un bambino scrive nel suo quaderno “l’ago di Garda”, ho la scelta tra correggere l’errore con un segnaccio rosso o blu, o seguirne l’ardito suggerimento e scrivere la storia e la geografia di questo “ago” importantissimo, segnato anche nella carta d’Italia. La luna si specchierà sulla punta o nella cruna? Si pungerà il naso?” (G. Rodari, Grammatica della fantasia, 1973).

  7. Emilia dice:

    Il 23 ottobre 350 bambini di tre,quattro e cinque anni hanno festeggiato il “favoloso” Gianni Rodari.
    La Scuola dell’Infanzia ,per due settimane,si è trasformata in un laboratorio rodariano dove ognuno ha liberato la propria fantasia con attività dedicate al maestro.
    Nell’aria la poesia “le storie nuove”, sui vetri delle finestre i “segni creativi” di un percorso
    Favoloso …come Gianni.

  8. Maria Pia dice:

    Speranza
    Dedico questa poesia a mio figlio…. Un incidente e patatrac….grazie al cielo si è rialzato, ma qualcosa si è spezzato…
    I suoi occhi, la paura ed il rifiuto
    La ricerca di un sorriso
    che sul volto tornerà!
    Questa la mia Speranza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.